Alzheimer Fest di Orvieto

ORVIETO 21 SETTEMBRE 2019 PIAZZA DUOMO

 

UNA GIORNATA DI COSE BELLE

Benvenuti all’Alzheimer Fest di Orvieto. Se arrivate da lontano o se venite da dietro l’angolo, da soli o in gruppo, se avete atteso questo momento o ci siete capitati per caso, se scoppiate di salute o vi sentite un po’ a terra. Comunque sia, benvenuti ad Orvieto in occasione della XXVI Giornata Mondiale Alzheimer, ultima tappa dell’Alzheimer Fest in viaggio 2019.
In queste pagine troverete il programma ed i luoghi in cui si svolgerà la Festa.

Nel corso dell’Alzheimer Fest, tutti coloro che pensano, amano e soffrono attorno alle persone con disturbi della cognitività, si ritroveranno in un’atmosfera dominata dalla gioia dello stare insieme. Ciascuna competenza si mescolerà con le altre, senza barriere e preconcetti, ma nel rispetto del sapere e conoscenze che ritengono di migliorarsi se si integrano e si contaminano. Tutti sono coinvolti, artisti e imperfetti sconosciuti, perché è una festa solo se nessuno si sente escluso. Il programma prevede tante voci, diversi percorsi, quanto è stato possibile organizzare in una giornata; ciascuno sarà libero di scegliere ciò che vuole, senza barriere di sapere e di esperienze. Perché le persone con l’Alzheimer, o con altre forme di demenza, continuano ad essere persone. Un esercito di persone: oltre un milione di malati, tre milioni di familiari solo in Italia. Con tanta angoscia ma anche tanta voglia di vivere, gioire, staccare dalla routine, e perché no: andare a una festa. Persone vive anche se magari chiuse nello spazio di una residenza protetta.

Il filo conduttore dell’edizione nazionale 2019 (appuntamento a Treviso, da venerdì 13 a domenica 15 settembre) è l’amore al tempo dell’Alzheimer, e più in generale al tempo della vecchiaia.

Una fase dell’esistenza dai confini mobili (e nobili), in cui la concezione stessa del tempo (e dell’amore) cambia, talvolta si perde ma anche (più spesso di quanto pensiamo) si arricchisce di inaspettate sostanze e sfumature.

Si allunga la vita. Perché dovrebbe accorciarsi l’affettività?

L’Alzheimer Fest vuole esplorare i miti e i limiti dell’età (per abbatterne alcuni e rivalutarne altri) attraverso l’arte, la musica, la letteratura, la medicina, la partecipazione attiva. In due parole: “lo stare insieme”. Non dimentichiamo i problemi, ma li “abbracciamo” in un salutare corpo a corpo. Ma la cosa più importante, naturalmente, è la possibilità di incontrarsi, emozionarsi e non sentirsi isolati. La possibilità di essere se stessi. Non è mica facile, non è affatto scontato, quando si vive sotto il cielo della demenza. E questa è la bellezza dell’Alzheimer Fest!

Comitato Organizzatore
Alzheimer Fest Orvieto

 

SALUTI COMUNE DI ORVIETO

La città di Orvieto è lieta di ospitare questa lodevole iniziativa che rappresenta l’occasione per sensibilizzare
la comunità sulle problematiche che le famiglie devono affrontare quando un loro caro viene colpito dall’Alzheimer o da altre forme di demenza. Malattie che hanno enormi ricadute sociali ed economiche perché oltre ad avere una forte incidenza sui costi a carico del sistema sociosanitario hanno un pesante risvolto sull’economia e sulla serenità delle famiglie coinvolte. Come Istituzioni ci poniamo la grande sfida di favorire la nascita di nuovi servizi rivolti alla prevenzione e all’assistenza.

Roberta Tardani
Sindaco di Orvieto

I PROGETTI

“I laboratori per ricordare”
Un progetto che coinvolge le principali organizzazioni sanitario assistenziali della zona sociale n. 12 di Orvieto insieme ad altre residenze protette di Perugia, Todi e Terni che hanno aderito all’iniziativa programmando dei laboratori con attività di animazione socio educativa che normalmente propongono ai propri ospiti residenti. Durante il corso della giornata sono previsti interventi individuali e di gruppo volti a contrastare l’isolamento socio affettivo, mantenere le capacità residue sensoriali e infondere una sensazione di benessere generalizzata.

Parteciperanno le seguenti residenze protette:

  • Anchise di Perugia (PG) con un laboratorio di arte-terapia dal titolo “Vi raccontiamo Perugia! Emozioni, ricordi, storie ancora da ricordare”
  • Casa Divina Provvidenza di Ficulle (TR) con un laboratorio di arte-terapia dal titolo “L’arte dei ricordi”
  • Casa Natività di Maria di Morrano (TR) con un laboratorio di giardino-terapia dal titolo “Il seme della memoria”
  • Colleroletta di Terni e Villa Canali di Quadrelli (TR) con un laboratorio di arte-terapia basato sulla realizzazione del calendario 2019, dal titolo “Canzoni di altri tempi”
  • Fontenuovo di Perugia (PG) con un laboratorio di stimolazione sensoriale dal titolo “Snoezelen therapy”
  • Non ti scordar di me di Castel Giorgio (TR) con un laboratorio di arte-terapia dal titolo “L’arte per la memoria perduta” ed uno di musicoterapia dal titolo “Musicoterapia per l’equilibrio e l’armonia nelle persone con demenza”
  • San Giovanni Bosco di Monterubiaglio (TR) con un laboratorio di cucina dal titolo “Mani in pasta”
  • San Giorgio di Orvieto (TR) con un laboratorio di ginnastica dal titolo “RicordiAmo il movimento”
  • Veralli Cortesi di Todi (PG) con un laboratorio di orto-terapia dal titolo “Una pianta…una vita”